venerdì 16 gennaio 2015

Recensione: Il falco di maggio - Elisabetta Bricca

 

Il falco di maggio 

Elisabetta Bricca



http://4.bp.blogspot.com/-WAAlznvClpw/VJMGshk-FOI/AAAAAAAASMQ/l9TX8yd9dqM/s1600/il%2Bfalco%2Bdi%2Bmaggio.jpgEditore: Amazon
Pagine: 220
Prezzo: 1,05 (formato ebook)
 
Trama: Irlanda, 1846
Bruce Cavedish è il Marchese di Donegal, lembo estremo di terra irlandese, aspra e selvaggia, dove aleggia ancora il sussurro della magia degli antichi Celti.
Un giovane uomo tornato in Irlanda per adempire ai suoi nuovi obblighi, ma che non può soffocare il richiamo del sangue né dimenticare il passato di un'infanzia dolorosa.
Fionnula O'Halloran e un'impavida testa rossa dal carattere indomito, figlia del popolo, che si batte per l'indipendenza della sua gente.
Tra i due, provenienti da due mondi tanto diversi, è subito scontro. Eppure, lentamente, qualcosa di diverso dal rancore prende forma e sboccia in un amore contrastato, vivo, totalizzante. Tra gli echi di una natura arcaica, l'orgoglio di un popolo che non s'inginocchierà mai al dominio inglese, la lotta per la libertà e gli intrighi di potere, Bruce e Fionnula intraprenderanno un cammino tortuoso, guidati solo dal richiamo del cuore, della fratellanza, e dalla consapevolezza di essere figli della stessa, amata terra che reclama giustizia.


La mia opinione: ormai quando Elisabetta pubblica un nuovo libro, un racconto o altro, so che farò bene a leggerlo il prima possibile. Lei è una scrittrice che in quello che fa ci mette anima e corpo, che non si limita solo a scrivere, perchè da ogni sua parola si capisce quanto abbia prima studiato e approfondito l'argomento. Questa è solo una delle cose che è impossibile non amare e apprezzare.

Un'altro motivo per apprezzarla sono i suoi personaggi, sempre talmente ben scritti che paiono prender vita e venire fuori dalle pagine del libro, cosa che succede anche per Fionnula e Bruce.

Lui è il marchese di Donegal, tuttavia il suo status non lo esula dal dolore e dovrà tenere duro per parecchio tempo per sopravvivere e sfuggire alla tirannia del nonno. Dalle pagine trasuda il dolore di un ragazzo che ha perso gli amati genitori e che soffre in modo particolare la perdita della madre, personaggio in completa antitesi a quella della nonno. Se lei era dolce, permissiva e lo faceva sentire amato, lui non fa altro che umiliarlo e punirlo, anche fisicamente, quasi voglia farlo soffrire anche per la disobbedienza della madre. Insomma, un personaggio che ho odiato con tutta me stessa.
Crescendo, Bruce potrà assaporare la libertà, una libertà che è tuttavia negata alla sua gente, il popolo irlandese.

Il secondo grande protagonista è proprio lui, il popolo irlandese che soffre, così come la sua terra ormai diventata arida, ma che non accenna ad abbassare il capo. L'Irlanda e gli irlandesi sono perennemente presenti, a volte sembrerà che non sia così ma li si percepisce sempre. 
Ho apprezzato particolarmente la scelta di non raccontare solo la storia di Bruce e Fionnula, bensì dare grande spazio alle ingiustizie subite dalla loro gente e contro le quali ben poco potevano. Si percepisce quel senso d'impotenza nei confronti dell'oppressore e si vorrebbe poter dare una mano, per poi rendersi conto che sarebbe quasi impossibile. 
Questo libro è l'esempio perfetto di come sia possibile raccontare la Storia servendosi di un romanzo, usare le storie di due personaggi per fare qualcosa di più grande e complicato. Ed è qui che il vero talento viene fuori.

Passando alla protagonista, Fionnula, non saprei come descriverla se non come fuoco. Lei è esattamente come una fiamma, mai immobile, mai statica, che muta, a volte affievolendosi per poi tornare ad ardere più intensamente di prima. E' una ragazza che ha sofferto, soffre e si aggrappa alla vita con tutte le sue forze, non si arrendemai e cerca sempre il modo di tirarsi su e risollevare anche la propria famiglia. Il suo attaccamento ai fratelli è fortissimo, così come il suo senso della giustizia, cosa che la porterà a rischiare tutto.

Se accostata a Bruce non potete aspettarvi altro se non scintille, tuttavia è proprio lei che riesce a scorgere cosa si cela dietro la maschera che il Marchese indossa e vi trova ben più dell'arroganza.

Se siete amanti dei romanzi storici non potete lasciarvi scappare "Il falco di maggio", anche perchè ha un costo veramente irrisorio se paragonato al suo valore. C'è tutto: la Storia, le emozioni, personaggi che bucano la pagina, una trama ben strutturata. Cosa si può volere di più?


Il mio voto:





giovedì 15 gennaio 2015

Appuntamento al buio... con un libro!

Quella di cui voglio parlarvi oggi è un'iniziativa della Sperling & Kupfer, la prima casa editrice in Italia a proporla.
In cosa consiste un appuntamento al buio con un libro? Semplice: il lettore sceglierà un libro in base a degli indizi forniti, ma senza saperne l'autore o il titolo!






Come dice la Sperling, "lascia che il libro sia a scegliere te"!





A bookstore picked up on the idea and put up a display in July.Per chi frequenta social network come tumblr o pinterest, avrà già avuto modo di scoprire iniziative del genere che sono state già proposte all'estero, soprattutto oltreoceano. In quel caso però, più che le case editrici, a farsi promotorici dell'appuntamento al buio erano proprio le librerie, soprattutto indipendenti. Il concetto però rimane lo stesso.





Per quanto riguarda l'iniziativa italiana, la Sperling ha scelto dal proprio catalogo sei libri, li ha incartati e ha fornito al lettore vari indizi per orientarlo nella scelta. Il costo di ciascun pacchetto è di 10 euro.

Trovo quest'iniziativa molto carina, una ventata d'aria fresca che sicuramente farà piacere a molti lettori e non nego che se mi trovassi davanti lo stand acquisterei io stessa un pacchetto.



Ma. Sì, c'è un ma: la cosa che non mi convince tanto è stata la scelta di selezionare un solo libro per genere. Si sa, presto sul web troveremo già i titoli presenti nei pacchetti e addio effetto sorpresa. Io personalmente avrei scelto almeno due titoli per genere, se non anche tre, in modo da preservare l'effetto sorpresa.
Spero, tuttavia, che questo sia un primo esperimento della casa editrice e che in un secondo momento l'iniziativa venga riproposta allargando la gamma dei libri scelti.

Per quanto riguarda il prezzo non credo che sia eccessivo, questo perchè da quello che ho letto e visto finora, i libri sono in copertina rigida.


Insomma, quella dell'appuntamento al buio con un libro è un'iniziativa molto simpatica e fresca che spero altre case editrici decideranno di imitare!

Prossimamente: Il canto del deserto - Adele Vieri Castellano

Ho da poco finito di leggere un libro di Adele ed ecco che ne viene pubblicato un altro! Che dite, è il caso di festeggiare? Io dico di sì!
Dopo aver ambientato i suoi romanzi a Roma e Venezia, ora è il turno dell'Egitto, una terra meravigliosa che mi affascina da così tanti anni che non ricordo più nemmeno quando me ne innamorai.
Pronte per "Il canto del deserto"? Correte in libreria dal 22 gennaio!


Il Canto del Deserto

Adele Vieri Castellano


Editore: Leggereditore
Pagine: 422
Prezzo: 12,00
Data di uscita: 22 gennaio

Luxor, 1871. Lady Sylvia Dunmore, vedova dopo un disastroso matrimonio, giunge in Egitto con il padre. Per lei è un sogno che si avvera, finalmente potrà vedere con i suoi occhi i mitici luoghi che ha imparato a conoscere attraverso le lettere del fratello Adam, che da anni collabora con le spedizioni archeologiche del duca di Brokenwood, l’amore negato della sua adolescenza, divenuto cieco a causa di un terribile incidente. Il desiderio di scoperta che da sempre anima Sylvia viene presto esaudito: il duca le offre di unirsi a una spedizione diretta all’oasi di Siwa, sulle tracce del mitico esercito scomparso di Cambise. Da subito la sua bellezza attira l’attenzione di un enigmatico personaggio, ladro di tombe, poliglotta e studioso di reperti antichi, ma Sylvia è troppo affascinata dall’avventura per preoccuparsene. Fino a quando il clamoroso rinvenimento del ritratto di una mitica regina del passato, Nefertiti, non scatena una serie di eventi drammatici che metteranno in serio pericolo la sua vita. A salvarla dal terribile destino cui è stata condannata sarà Abu Ramla, il Padre della Sabbia, con il suo coraggio e l’unica travolgente forza che nessuno può sconfiggere: l’amore.

mercoledì 14 gennaio 2015

Recensione: La cacciatrice di lieto fine - Francesca Cani

 

 La cacciatrice di lieto fine 

Francesca Cani


Editore: Rizzoli (YouFeel)
Pagine: 100
Prezzo: 2,49 (formato ebook)

Trama: chignon spettinato, occhiali spessi e un libro sempre davanti al naso, Alba conosce pochissimo il mondo reale. Bibliotecaria veronese, lettrice da competizione e romantica disillusa, agli uomini in carne e ossa preferisce eroi come Jamie Fraser o Mr. Darcy. Quando una vacanza forzata e la prospettiva raccapricciante di passare le feste fra la madre iperprotettiva e il padre assente la mettono in fuga, Alba non sa dove rifugiarsi. Un volo last minute la fa atterrare in Irlanda. Lì nessuno la disturberà, tranne il destino, che il giorno di Natale la porta sul sentiero che sta percorrendo Bram O’Ryan, medico, surfista e testa calda dalla chioma rosso fuoco. Con lui partirà per un itinerario alla ricerca di esseri leggendari e sfide (im)possibili. Un nuovo amore può guarire dalle ferite del passato? Ci vuole un’abile cacciatrice per catturare il lieto fine perfetto.
Un romanzo intenso che vi coinvolgerà, una storia d’amore in cui il lieto fine non è assicurato, ma va inseguito fino all’ultima pagina.


La mia opinione: quando si è a casa, ammalati, circondati da fazzolettini per il raffreddore, al calduccio sotto un bel piumone, tutto quello che serve è una bella storia fresca e romantica!
Per cercare di dimenticare per qualche ora l'influenza non c'era niente di meglio che "La cacciatrice di lieto fine". Vedete, anch'io come la protagonista sono un'inguaribile cacciatrice di lieto fine: sempre alla ricerca di una storia che si concluda con un bel lieto fine e tanto romanticismo!

Alba è una bibliotecaria e una lettrice, proprio come noi. Al mondo reale e alle persone in carne e ossa preferisce quelle fatte di carta e inchiostro. Ammettiamolo, quante volte noi stesse ci sentiamo così, più a nostro agio tra le pagine di un libro che fuori di casa? 
A volte però nemmeno quello può salvare dalle festività imminenti e magari anche da tutti quei parenti un po' (sì, forse troppo) ficcanaso che ogni anno ci fanno sempre le stesse solite domandine idiote...
In un impeto di coraggio, e forse anche follia, Alba decide di prenotare un volo last minute e passare un intero mese in un luogo lontano da tutto e da tutti, soprattutto dai suoi problemi. E' così che si ritrova in Irlanda! Peccato che abbia scelto proprio un piccolissimo paesino, dove tutti conoscono tutti ed è difficile sfuggire per troppo tempo ai suoi abitanti. Soprattutto quando si chiama Bram O'Ryan...

La prima impressione non è certo delle migliori: di comune accordo con la propria promessa sposa, ha appena mandato all'aria il proprio matrimonio! Indovinate chi è stata spettatrice di questo siparietto? Già, proprio Alba! E dire che era solo alla ricerca di uno spunto per iniziare a scrivere un romanzo!

Di materiale per scrivere il suo bel romanzo ne avrà parecchio al termine della storia, dopotutto con un tipo come Bram è impossibile non godersi la vita e fare anche qualche esperienza un po' "pazza"!

Considero "La cacciatrice di lieto fine" più un racconto lungo che un romanzo e trovo che sia in quest'ottica che vada visto. Ho letto alcuni commenti nei quali le lettrici dicevano che la storia non è stata approfondita e gli avvenimenti si susseguono troppo in fretta. Beh, se avesse avuto la stessa lunghezza di un romanzo avrei anche potuto capirle, ma in 100 pagine trovo che Francesca Cani sia stata bravissima nel riuscire a raccontarci una storia così bella, con dei personaggi tutt'altro che piatti e allo stesso tempo farci "vedere" e assaporare la magia dell'Irlanda!
Sfido chiunque a far di meglio in cento pagine!

In Alba mi ci sono rivista molto spesso e ho adorato tutti i riferimenti a libri e personaggi (ooohhh, Jamie Fraser!!!!!!!! ooooohhhh Mr. Darcy *o*) che molte di noi amano. Certo, non si può dire che la povera ragazza non abbia problemi, pian piano riusciamo anche a capire cosa abbia dovuto passare durante gli anni precedenti. 

E che dire di Bram? Un pazzo, ecco cos'è, ma decisamente adorabile! Posso averne uno anch'io??? La sua allegria e intraprendenza sono contagiose e con un tipo del genere penso che mi piacerebbe moltissimo esplorare l'Irlanda. Immaginate avere una guida turistica personale come lui? Okay, la smetto! *sogghigna*

Spero vivamente che Francesca scriva presto qualcos'altro, io purtroppo mi sono lasciata sfuggire "I colori della nebbia", romance che scrisse insieme a Mariachiara Cabrini. Però spero ancora di riuscire prima o poi a recuperarlo!



La mia opinione:







Prossimamente: Four - Veronica Roth

A quasi un anno di distanza torna nelle librerie italiane Veronica Roth!
La tanto attesa raccolta di quattro novelle sul protagonista maschila della trilogia distopica sta per arrivare: sarà disponibile sugli scaffali dal 27 gennaio!
Io la comprerò sicuramente perchè Tobias è un personaggio che muoio dalla voglia di approfondire e queste novelle fanno proprio al caso mio. E poi Four ci starà benissimo sullo scaffale insieme agli altri tre libri!


Four 

Veronica Roth


Editore: DeAgostini
Pagine: 288
Prezzo: 14,90
Data uscita: 27 gennaio

Quando per Tobias Eaton – il figlio del leader degli Abneganti – arriva il Giorno della Scelta, il ragazzo non ha dubbi: vuole andarsene dalla fazione che per sedici anni è stata la sua prigione e allontanarsi dalla furia del padre violento. Per il suo nuovo inizio sceglie di unirsi agli Intrepidi, perché desidera imparare da loro a sconfiggere le proprie paure e a essere coraggioso. Con un nuovo nome, “Quattro” comincia l’addestramento, che lo porta ben presto a scalare la classifica degli iniziati e ad attirare su di sé l’interesse delle più alte sfere dirigenziali, che lo vorrebbero trasformare nel più giovane capo fazione che gli Intrepidi abbiano mai avuto. Ma è davvero così… oppure c’è qualcosa di più inquietante dietro gli intrighi attuati dai leader Intrepidi? Due anni dopo, Quattro – disgustato dalle trame della sua fazione – è pronto a fare la propria mossa e a lasciarsi di nuovo tutto alle spalle, ma l’arrivo di una giovane iniziata cambia ogni cosa. Perché, grazie a lei, Quattro scopre un lato di sé che non credeva di possedere. Grazie a lei, potrebbe tornare a essere semplicemente Tobias.

lunedì 12 gennaio 2015

Prossimamente: Il primo bacio a Parigi - Stephanie Perkins

Terminate le festività cominciano ad arrivare notizie delle nuove pubblicazioni, yeah!

Un libro che tutti attendevate da tantissimo è proprio il famoso "Anna and the french kiss", un romanzo che ci ha fatte sciogliere e innamorare. Direi che è arrivato il momento di ringraziare la DeAgostini per permettere a tutte le lettrici e lettori italiani di poter leggere questo bellissimo libro.

La copertina è molto diversa da quella originale, però devo dire che mi piace molto, la trovo molto bella e mi piacerebbe poter avere anche l'edizione italiana sui miei scaffali.

Quanto manca? Poco. Potrete mettere le grinfie mani su questo gioiellino già dal 3 febbraio!

Intanto potete ingannare l'attesa rileggendo la mia recensione QUI.




Il primo bacio a Parigi 

Stephanie Perkins



Editore: DeAgostini
Pagine: 400
Prezzo: 14,90
Data di uscita: 3 febbraio

Non c'è nulla che Anna aspetti più dell'ultimo anno di liceo. È sicura che ogni singolo momento insieme alla sua migliore amica e al ragazzo per cui ha una cotta colossale sarà indimenticabile. Ma le cose non vanno affatto come sperato. Perché i genitori di Anna decidono di spedirla per un anno intero in collegio a Parigi. Anna è disperata... almeno fino al giorno in cui incontra Etienne St. Clair. Divertente, sensibile, affascinante, St. Clair sembra proprio il ragazzo perfetto. C'è solo un piccolo problema: lui è fidanzato. Ma si sa Parigi è la città più romantica del mondo, e tra una passeggiata sulle rive della Senna e un appuntamento al chiaro di luna, tutto può succedere...






domenica 11 gennaio 2015

December book haul!

Buona domenica a tutti! Io la sto passando tra un colpo di tosse e uno starnuto, tra una medicina e l'altra, sigh. 
Dato che l'influenza sembra avermi dato una breve tregua, ho deciso di approfittarne per preparare qualche post per voi, iniziando mostrandovi gli acquisti o gli scambi fatti nel mese di dicembre.
Così come fu per il mese di novembre, ho deciso di di girare un video per mostrarvi tutti libri, perciò buona visione!!!





Allora, c'è qualcosa che vi ho mostrato che avete già letto? Oppure avete trovato qualcosa d'interessante da aggiungere alla vostra wishlist?