venerdì 11 settembre 2015

Recensione: Firebird. La caccia - Claudia Gray

 

Firebird. La caccia 

Claudia Gray



https://scontent-vie1-1.xx.fbcdn.net/hphotos-xtp1/t31.0-8/p480x480/11885025_675899025844400_5800729459223406843_o.jpgEditore: Harlequin Mondadori
Pagine: 360
Prezzo: 16,00




Trama: Marguerite Caine è cresciuta respirando intorno a sé le teorie scientifiche più all'avanguardia. I suoi genitori, infatti, sono due famosi scienziati che sono riusciti a realizzare la macchina più stupefacente di tutti i tempi: il Firebird. Si tratta di un congegno che permette di viaggiare in dimensioni parallele, basandosi sulla teoria che esistono infiniti universi, che sono poi quelli delle possibilità. Ciò che non è stato in questo mondo si è certamente realizzato in uno degli altri.

Il padre di Marguerite, però, è misteriosamente scomparso. Sembra che a ucciderlo sia stato Paul, uno degli assistenti, che è poi fuggito impunito in un'altra dimensione, portando via con sé tutti i dati relativi al Firebird. Marguerite si lancia alla ricerca del padre e grazie a Theo, uno studente di fisica che l'aiuta nell'impresa, riesce a ingaggiare una caccia all'uomo pluri-dimensionale, tra una Londra del futuro, una Russia ai tempi dello Zar e un mondo sottomarino... Le vite sono mille. Mille le possibilità. Ma il destino è uno soltanto.
La mia opinione: sapete, proprio non riesco a resistere ai libri nei quali è presente qualche elemento fantascientifico e Firebird è stato un'avventura fantastica! 
I genitori di Marguerite Caine sono degli scienziati geniali, tant'è che hanno inventato i Firebird, dei medaglioni capaci di far viaggiare chi li utilizza da una dimensione all'altra! Ebbene sì, esistono molteplici dimensioni, come se fossero delle tasche, degli universi paralleli nei quali gli eventi storici, o anche una banale scelta personale, differiscono da quelli della nostra realtà.

Con i Firebird non ci si sposta con il corpo, ma semplicemente si "salta" nel corpo del proprio alter ego dimensionale e si prende il suo posto, una prospettiva nient'affatto improbabile!
Ora, ditemi se quest'idea non è geniale! Quando gli autori tirano fuori queste cose mi sembra sempre di vivere un episodio di Doctor Who (con mia immensa gioia)!



Fin qui tutto bene, se non fosse che il padre di Marguerite viene ucciso e il suo presunto assassino scappa in un'altra dimensione! Marguerite si fidava di Paul, assistente dei genitori e da loro trattato come un figlio, perciò questo brutale tradimento esige vendetta! Con l'aiuto di Theo, l'altro assistente, e recuperati due Firebird, è pronta per saltare di dimensione in dimensione per inseguire Paul!

L'aspetto più bello dell'intero romanzo è stato vedere queste possibili dimensioni alternative, tutte a loro modo affascinanti! Se ci avventuriamo in una dimensione nella quale la tecnologia si è sviluppata prima e nella quale ritroviamo apparecchi elettronici degni di una puntata di Agent's of Shield, successivamente potremmo anche ritrovarci in una Russia dove sembra che il tempo si sia fermato al tempo degli Zar! Insomma, i Firebird sono come il Tardis, solo che non possono farci viaggiare nel tempo ma solo tra diverse dimensioni.
Che cosa meravigliosa, ragazzi, ho amato scoprire insieme alla protagonista queste dimensioni parallele!

Non manca nemmeno un pizzico di mistero in tutta la faccenda, il che rende il tutto ancora più interessante e coinvolgente.

I personaggi poi mi hanno decisamente convinta, in primis la protagonista che anche in situazioni difficili non si perde d'animo, ma soprattutto Paul che dovete prepararvi a rivalutare, anche se all'inizio lo odierete!

Le rivelazioni finali poi sono state una sorpresa inaspettata, mi hanno lasciata a bocca aperta e non voglio pensare cosa ci aspetterà nel prossimo volume!

E adesso andate tutti in libreria a comprare questo libro, così poi possiamo parlarne tutti insieme!



Il mio voto:





9 commenti:

  1. Risposte
    1. Poi mi dovrai raccontare cosa ne pensi mentre lo leggi ^^

      Elimina
  2. Ho adorato questo libro!! *-* La mia parte preferita è quella ambientata nella Russia dello Zar ... ^-^ Non vedo l'ora che esca il seguito!

    RispondiElimina
  3. Questo libro mi ispira tantissimo, anche se non ho mota fiducia nell'autrice. Speriamo bene :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A dire il vero è il primo libro che leggo di Claudia Gray e mi ha colpita! :-D

      Elimina
  4. Io della Gray ho letto tutta la serie di Evernight (ma diciamo che dopo il primo, che avevo trovato carini, mi ci è voluto un grande incoraggiamento per continuare ç_ç) e mi sono tenuta ben lontana da quella cosa che aveva scritto su lupi mannari e il Titanic xD Ma questo mi ispira davvero *____*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahahah quello sui licantropi lo ricordo ma non lo avevo letto. Questo invece è proprio bello! *________*

      Elimina
  5. Ehi, magnifica recensione *-*
    Io ho trovato questo libro molto gradevole, nonostante non avessi aspettative così alte per colpa dell'autrice... Però devo dire che mi ha stupito positivamente, a parte l'inevitabile triangolo amoroso. (Tra l'altro creiamo una petizione per impedire alle autrici di creare altre protagoniste con i capelli rossi! Non se ne può più ahahah)
    L'idea dei viaggi in dimensioni parallele, ma condizionate dalle scelte diverse degli individui è mooolto intrigante secondo me: non vedo l'ora di scoprire cosa ci riserverà il secondo *-*.
    Se vuoi leggere la mia recensione di Firebird la trovi Qui :3.
    Ciau!
    Rainy

    RispondiElimina