martedì 23 luglio 2013

Recensione: La storia di una bottega - Amy Levy

La storia di una bottega

Amy Levy


http://4.bp.blogspot.com/-QY2opm_bOig/UWHedCXxNRI/AAAAAAAAEBM/WKvmJx2BJQk/s400/La+storia+di+una+bottega+-+Amy+Levy.jpgEditore: Jo March Agenzia Letteraria
Pagine: 224
Prezzo: 12,00


Trama: nella Londra di fine Ottocento, le giovani sorelle Lorimer perdono improvvisamente il padre e finiscono sul lastrico. Rifiutandosi di accettare un destino che le vedrebbe divise tra i vari familiari che si sono offerti di dar loro ospitalità e protezione, scelgono di restare insieme e di sopravvivere con le proprie forze: fra lo sgomento generale, si trasferiscono nell'affollata e viva Baker Street, nel centro di Londra, e aprono una bottega di fotografia. Lacerate dai dubbi, sballottate dai colpi della fortuna, eppure appassionate e tenaci, Gertrude, Lucy, Phyllis e Fanny cercano di resistere alle privazioni e di conquistarsi uno spazio nella società, difendendo un'indipendenza per nulla scontata nella tarda età vittoriana. Nel 1888, Amy Levy realizza un originale e raffinato ritratto di donne emancipate e moderne, utilizzando una metafora assolutamente calzante, quella della tecnica fotografica. Come la fotografia imprime, con leggi e codici del tutto nuovi, la realtà, stravolgendo per sempre l'arte e il concetto di immagine; nella stessa misura, le quattro protagoniste rivolgono uno sguardo più genuino alla vita, incarnando una donna, al contempo idealista e concreta, che annuncia il mutamento rapido e inarrestabile della condizione femminile alle porte del ventesimo secolo. 


La mia opinione: ancora una volta la Jo March Agenzia Letteraria ci da la possibilità di leggere finalmente in italiano un altro gioiellino della letteratura inglese. Questa collana Atlantide mi piace davvero tanto, dopo "Nord e sud", anche "La storia di una bottega" si è rivelato essere un gran bel libro, soprattutto di qualità, una cosa che non è mai da dare per scontato!

Un elogio va fatto all'autrice della prefazione: scritta magistralmente, ci mostra chi fosse Amy Levy e quali siano state le cause che l'hanno portata a morire suicida a soli 27 anni. Un animo sensibile, ma al tempo stesso determinato, l'autrice inglese è riuscita ad affermarsi, così come le protagoniste del suo libro, in campi là dove gli uomini la facevano da padroni. E' stato stupendo poter leggere questa bellissima introduzione per comprendere, prima ancora del libro, la sua aurice come donna.

Il romanzo in questione racconta della caduta e della ripresa, non senza alcuni dolori e dispiaceri, delle sorelle Lorimer. Alla morte del padre, dopo aver venduto quasi tutto per saldare i debiti, le quattro ragazze decidono di prendere in mano le redini della propria vita e dare il via ad un'attività all'epoca molto insolita per delle donne, ovvero quella di fotografe.
In un ambiente prettamente maschile, le sorelle dovranno stringere i denti e lottare giorno dopo giorno per vedere riconosciuto il loro lavoro, per far sì che venga messo sullo stesso piano di quello degli uomini.

La strada per loro è tutta in salita, le ristrettezze non faranno che renderla più faticosa, tuttavia, anche grazie a qualche amico che ha a cuore la loro situazione, riusciranno nei loro intenti.

Non manca la parte sentimentale, inserita perfettamente nella storia e davvero molto piacevole! Per le sognatrici romantiche come me, un pizzico di love story non guasta mai, anzi!

Amy Levy anticipa quello che sarà uno dei grandi temi del '900: il ruolo delle donne nella società sta per cambiare, pian piano esse capiscono di non essere inferiori e di avere dei diritti da far rispettare, sia nell'ambito familiare che sociale.

Con maestria, l'autrice ha mostrato a tutti i lettori, sia dell'epoca che dei giorni nostri, che le donne sono in grado, come gli uomini, di lavorare ed essere brave in quello che fanno, che possono badare a sé stesse, essere indipendenti e trovare la forza di raggiungere gli obiettivi che si sono prefisse, così come le sorelle protagoniste di questo romanzo, ciascuna con un talento e con il coraggio di esprimerlo al meglio.



Il mio voto:






domenica 21 luglio 2013

Recensione: L'ultimo respiro per la redenzione - Liliana Marchesi


L'ultimo respiro per la redenzione

Liliana Marchesi

 

L'ultimo respiro per la redenzione (Trilogia del Peccato, #3)Pagine: 300
Prezzo: 15,00 euro (2,99 eBook)
 
Trama: a Kathleen ed Evangeline è stato concesso un solo sguardo, prima che il destino le separasse nuovamente, ma quel brevissimo istante le ha cambiate nel profondo.
L’una attraverso gli occhi dell’altra, disseppelliranno il passato.
Evangeline, la Redentrice, cadrà nell’oblio dei ricordi dei quali era stata privata, e dove troverà l’amore di Mael a riscaldarle il cuore. 
Kathleen, tradita e ferita nell’animo da Seth,imparerà suo malgrado a lottare contro il proprio dolore, sacrificandosi per lui.



La mia opinione: ed anche questa trilogia è conclusa. Seguo quest'autrice fin dal suo esordio e, ogni volta che mi manda la sua ultima creatura, non posso che ritenermi fortunata: ho avuto modo di seguire il suo percorso di scrittrice e la sua maturazione e spero con tutto il cuore che un giorno possa avere il successo che merita.

Ancora una volta, Liliana ci reintroduce nel suo mondo e tra i suoi personaggi, portando avanti le vicende riguardanti gli Edeni.

Il punto forte di questi libri è sempre stato l'originalità, unita ad uno stile fluido ed accattivante. Ne "L'ultimo respiro per la redenzione", la situazione iniziale è critica: Evangeline e Adam sono prigionieri della perfida Lilith, disposta a tutto pur di ottenere il potere tanto agognato, mentre Kathleen, Mael e Nimue si sono rifugiati presso il regno delle fate della regina Satin.
La straziante sentenza che aveva chiuso il precedente volumo, ovvero la morte di Kath per mano del suo amato Seth quale prezzo da pagare per riavere il Giardino, è la preoccupazione principale di tutti i personaggi: tenerla lontana  dal figlio di Lilith è di vitale importanza!
Attorno a questo e alla continua lotta contro i nemici, che saranno più di quanti si potesse credere, ruota e si conclude l'ultimo volume della Trilogia del Peccato.
Raccontarvi di più non frebbe che rovinarvi il gusto della lettura, mentre io desidero che possiate assaporare ogni singola pagina, parola dopo parola.

 Voglio però fare un appunto: ho avuto la sensazione che gli avvenimenti scorressero troppo in fretta, uno dopo l'altro, e se non fosse stato per i ricordi di Evangeline, che hanno rallentato un po' il ritmo della narrazione, questo libro sarebbe terminato troppo in fretta. Non so tuttavia se questo dipenda dal fatto che lo abbia letto forse troppo in fretta o se effettivamente il susseguirsi degli eventi sia troppo rapido.

Per quanto riguarda tutti gli altri aspetti del libro, non posso che riconfermare il mio giudizio positivo: lo stile dell'autrice è accattivante e coinvolgente, tanto che si fa fatica a staccare gli occhi dalle pagine! Non mancano nemmeno le rivelazioni e i colpi di scena, che arrivano quanto meno ce lo si aspetta.
Conclude il quadro positivo l'originalità che è stata dimostrata sia in questo che nei volumi precedenti e che ormai è diventata un tratto distintio di Liliana Marchesi.

Ora non mi resta che attendere il prossimo libro che uscirà dalla penna di questa talentuosa scrittrice, e non riesco ad immaginare cosa riuscirà a creare questa volta la sua mente!



Il mio voto: https://lh6.googleusercontent.com/-o6k_OQT2PTE/Uah0sfN3I2I/AAAAAAAAA8A/7sffU2dC3k0/w200-h40-no/4.png







venerdì 19 luglio 2013

Prossimamente: L'angelo caduto - Susan Ee

Finalmente arriva anche in Italia questo libro che ha fatto impazzire così tanti lettori, compresa me! Dopo averlo terminato, non vedevo l'ora che anche i lettori italiani potessero leggerlo e capire ciò che avevo provato. La data è vicina, per fortuna, e pochi giorni vi dividono dal 25 luglio

Per quanto io possa essere entusiasta, devo dire la mia su un dettaglio molto importante: la copertina. Ora, se vedendola vi è risuonato un campanellino in testa, be' è perchè è la stessa di "Schegge di me", solo leggermente modificata. Questa piccola modifica prevede anche una sagomina, non meglio identificata, che vorrebbe sembrare un angelo, ma che in realtà pare più essere il fidanzatino di Trilly (e non sono l'unica a pensarlo, basta fare un giro su Goodreads). Inoltre, non ha niente a che vedere con il libro in sè, mentre la copertina originale vi era strettamente legata e aveva un forte significato (che capirete dopo aver letto il libro).
Le nostre CE, e quindi non ce l'ho solo con la Fanucci, continuano imperterrite a scegliere copertine che, nel migliore dei casi, non c'entrano nulla con il libro in questione, mentre nel peggiore sono orribili! 
Capisco che mantenere la cover originale comporti ulteriori spese dovute al copiright, però rimanere sullo stesso genere non è così difficile!


Bene, dopo questo piccolo sfogo, ecco tutti i dettagli del libro!



L'angelo caduto

Susan Ee


fonte: Romanticamente Fantasy
Editore: Fanucci
Pagine: 320
Prezzo: 12,00
Data di uscita: 25 luglio

Un esercito di angeli sterminatori ha attaccato la Terra: dopo poche settimane la violenza dilaga ovunque, insieme alla paura e alla superstizione. Nella Silicon Valley ostaggio delle gang, la diciassettenne Penryn cerca di sopravvivere e proteggere la sua famiglia, fino a quando gli angeli guerrieri non rapiscono sua sorella minore, la più fragile, la più indifesa. L’unico modo per salvarla è affidarsi a un nemico, un angelo che ha perso le ali in combattimento e ora ha bisogno, come Penryn, di raggiungere la roccaforte delle crudeli creature alate a San Francisco. Nel viaggio che li porterà alla città, Penryn e Raf impareranno a contare solo l’una sull’altro, in un deserto in cui regnano la devastazione e il sospetto e in cui il pericolo è dietro ogni angolo.





 



 Quanti di voi lo stavano aspettando con impazienza? Cosa ne pensate della cover?

Se volete conoscere la mia opinione, trovate QUI la mia recensione!

giovedì 18 luglio 2013

Recensione: Dopo la pioggia - Charles Martin

Dopo la pioggia

Charles Martin

Dopo la pioggiaEditore: Corbaccio
Pagine: 414
Prezzo: 17,60 €
Trama: Tyler Steele, Texas ranger di terza generazione, è uno degli ultimi esemplari di una razza in via di estinzione, un cowboy moderno che vive in un mondo alieno dal suo senso della giustizia e dal suo istinto a proteggere a ogni costo gli indifesi. Un uomo tutto d’un pezzo, completamente assorbito dal suo lavoro, al punto da non aver capito quanto la moglie Andie avesse bisogno di lui, non solo del suo amore, ma anche della sua presenza. E adesso che lei se n’è andata, forse perduta per sempre, tocca a lui crescere il figlio Brodie, consolarlo per l’assenza della madre, cercare di mandare avanti il ranch per il quale si è indebitato e rimettere insieme i cocci della sua vita. L’incontro con Samantha e la piccola Hope, una madre e una figlia in fuga da una situazione che sembra senza vie d’uscita, cambia ancora una volta le carte in tavola. Sono in pericolo, disperate, sole, sono due sconosciute, ma hanno bisogno di aiuto e Ty le proteggerà: è la cosa che sa fare meglio. E a mano a mano che si conoscono, Tyler capisce che per diventare l’uomo di cui Samantha e Hope hanno bisogno deve imparare a riconoscere e a confrontarsi con le proprie debolezze…



La mia opinione: se dovessi descrivere questo libro con un solo aggettivo, be' allora sceglierei "crudo". Badate bene, non è che vi siano scene cruente, semplicemente l'ho scelto perchè l'autore non si fa problemi a "sbattere" in faccia al lettore la realtà. A volte dimentichiamo quanto male possa essere lì fuori, anche solo appena fuori dalla nostra porta, e ci illudiamo che la vita sia perfetta e priva di dolori. Charles Martin ha aperto un baule e ne ha estratto alcuni dei problemi che fanno parte, ahimè, della vite di molte persone, e ne ha tirato fuori tante storie che s'intrecciano tra loro per poi confluire in una sola.

Tyler è un moderno cowboy, un eroe romantico dei giorni nostri che ha sacrificato tutto quello che aveva per proteggere i più deboli e combattere il male. Tuttavia, il prezzo da pagare è stato molto alto: la moglie, Andie, portata al limite da tutta questa situazione, ha cominciato a reagire sperperando tutto il patrimonio di famiglia e assumendo dosi massicce di farmaci.  Quando Tyler la ritrova riversa sul pavimento, dopo che aveva ingoiato novanta pillole, capisce quanto sia stato cieco a non accorgersi del dolore e della sofferenza della moglie, e che adesso è troppo tardi.
Con un figlio da crescere e un matrimonio ormai naufragato, Cowboy conduce ormai una vita ritirata nel proprio ranch, allevando mucche e cercando di non farsi schiacciare dai debiti di Andie.
Tyler è un uomo che trovare in carne ed ossa sarebbe molto, molto difficile: leale, coraggioso e altruista. In poche parole, un vero e proprio Cowboy dalla radice dei capelli fino alla punta dei piedi.

Il suo istinto altruista si risveglia, ancora una volta, quando incontra Sam e sua figlia Hope ad una stazione di servizio. Le due sono sporche, disperate e in fuga da qualcosa, o qualcuno, di molto pericoloso. Dopo tutto quello che hanno passato, Tyler è per loro un uomo quasi troppo bello per essere vero, perciò fidarsi di lui diventa un processo lungo e fatto di piccoli passi, soprattutto per la piccola Hope.

Charles Martin, come già vi accennavo inizialmente, ha creato un bel mix, riuscendo a trattare abilmente argomenti molto spinosi, come ad esempio quello dello stupro. La cosa che più mi ha colpita, e che poi è quella che mi è piaciuta più di tutte, è l'analisi che ne fa dal punto di vista di Hope. Trovo sia molto difficile riuscirci così bene e devo dire che, molte volte, alcune affermazioni della piccola mi hanno fatta parecchio riflettere.

Lo stile delll'autore è fluido e scorrevole, senza essere però scarno, e rende la lettura accattivante e molto piacevole. Ha saputo mostrare il lato più umano di ogni suo personaggio, portandone alla luce anche le debolezze.
Se c'è una critica che mi sento di muovere, è questa: ad un certo punto mi è parso che Sam, dopo tutto quello che aveva passato, sia arrivata a fidarsi di uno sconosciuto fin troppo in fretta.
A parte quest'unico difetto, il libro mi è piaciuto davvero molto ed è riuscito anche a farmi riflettere.



Il mio voto:      https://lh6.googleusercontent.com/-o6k_OQT2PTE/Uah0sfN3I2I/AAAAAAAAA8A/7sffU2dC3k0/w200-h40-no/4.png








mercoledì 17 luglio 2013

Prossimamente: L'ultimo respiro per la redenzione - Liliana Marchesi

Ormai sapete benissimo quanto io adori i libri di Liliana Marchesi, perciò non posso che essere felicissima di annunciare l'uscita de "L'ultimo respiro per la redenzione", il capitolo finale della trilogia da lei pubblicata.
Avrò il privilegio di leggerlo e recensirlo in anteprima e per questo sono emozionatissima: chissà quali sorprese mi aspettano!



L'ultimo respiro per la redenzione

Liliana Marchesi


L'ultimo respiro per la redenzione (Trilogia del Peccato, #3)Pagine: 300
Prezzo: 15,00 euro (2,99 eBook)
Data di uscita: 21 luglio

Trama: a Kathleen ed Evangeline è stato concesso un solo sguardo, prima che il destino le separasse nuovamente, ma quel brevissimo istante le ha cambiate nel profondo.
L’una attraverso gli occhi dell’altra, disseppelliranno il passato.
Evangeline, la Redentrice, cadrà nell’oblio dei ricordi dei quali era stata privata, e dove troverà l’amore di Mael a riscaldarle il cuore. 
Kathleen, tradita e ferita nell’animo da Seth,imparerà suo malgrado a lottare contro il proprio dolore, sacrificandosi per lui.

"Non esiste un amore impossibile, perché è impossibile resistere all'amore!"

WWW Wednesdays #12

Dopo un periodo di pausa, dovuto a nuovi impegni, ecco che torna la rubrica "WWW Wednesdays", ideata dal blog Should Be Reading, tramite la quale vi mostrerò le mie letture!

Pronti? Partiamo subito vedendo quali sono le domande alle quali rispondere:

Cosa stai leggendo?

Cosa hai appena finito di leggere?

Cosa leggerai dopo?







Cosa stai leggendo?


La mia lettura attuale è "Dopo la pioggia" di Charles Martin, un bel libro che mi sta stupendo pagina dopo pagina. La cosa che più me lo sta facendo apprezzare è il fatto che l'autore affronta molti temi difficili utilizzando punti di vista insoliti, come quello di una bambina.
Davvero un bel libro, non vedo l'ora di continuare la lettura per conoscere meglio i personaggi, uno più bello dell'altro!



 

 

Cosa hai appena finito di leggere?

 
L'ultimo libro letto è stato "Black Friars. L'ordine della Croce", l'ultimo libro di Virginia de Winter. Parlarvene in poche righe è impossibile, se volete potete leggere QUI la mia recensione, tuttavia posso dire  che Vy è stata ancora più brava ed è riuscita a farmi piangere. Quanto mi mancherà il mondo di Black Friars! *sigh*

 


 

 

Cosa leggerai dopo?



La mia prossima lettura sarà "L'ultimo respiro per la redenzione", il nuovo libro di Liliana Marchesi che sarà presto disponibile e che ho il privilegio di leggere e recensire in anteprima! Perciò, restate collagati, eh!








Bene, queste erano le mie letture, ora sono curiosissima di conoscere le vostre!



sabato 13 luglio 2013

VINCITORE DEL GIVEAWAY DI "BLACK FRIARS. L'ORDINE DELLA CROCE"

E con questo post concludiamo definitivamente lo speciale "L'ordine delle blogger".




Ringraziamo ancora una volta tutti quelli che hanno partecipato, ovvero voi lettori, Virginia e tutti i ragazzi che si sono sottoposti alle nostre domande!

E' arrivato il momento di annunciare il nome, attesissimo, del vincitore di una copia cartacea di "Black Friars. L'ordine della Croce"!





Il vincitore è...








Speriamo di avervi tenuto compagnia in questo mese e di avervi fatto divertire!

giovedì 11 luglio 2013

Recensione: Black Friars. L'ordine della Croce - Virginia de Winter

Black Friars. L'ordine della Croce

Virginia de Winter



Editore: Fazi
Pagine: 528
Prezzo: 18,00  €

Trama: Eloise Wess è alle prese con il misterioso ritrovamento di uno scheletro di un giovane ragazzo, la cui identità è ignota, e questa volta non potrà ricorrere ai suoi poteri di evocatrice ma solo alle sue conoscenze mediche. Dalle indagini emerge a poco a poco un'oscura e inquietante verità: le ossa rinvenute sono solo il coperchio di un vaso di Pandora che sigilla i segreti più oscuri della Vecchia Capitale; segreti di personaggi potenti disposti a tutto pur di mantenerli tali. In Aldenor intanto il re Fabian Vambenberg è gravemente ferito, e il suo erede Axel, fidanzato di Eloise, è costretto a tornare lasciando sola Eloise in questa che si preannuncia come la missione più rischiosa della sua vita. Un mistero irrisolto, una città dai mille segreti, l'ultimo viaggio nel mondo di Black Friars.


La mia opinione: ritrovarsi a concludere una serie alla quale si è profondamente affezionati non può che lasciare un profondo senso di perdita e di vuoto. Quella di Black Friars vorrei che si prolungasse ancora per molti anni e voglio che queste cinquecento pagine non saranno le ultime (nel mio cuore la speranza è una fiamma che non si spegnerà facilmente).

In "Black Friars. L'ordine della Croce" si entra subito nel vivo degli avvenimenti: il fragile equilibrio che permetteva alla tregua con le Creature del Presidio di continuare a resistere, sembra ora destinato a rompersi. Le Creature premono per uscire al di fuori dei vincoli loro imposti e qualcuno sta trattando con loro per far sì che ciò accada. 

Tutto questo mette in pericolo la vita di Sophie Blackmore, ultima discendente della sua casata, la cui autorità non viene più riconosciuta dai temibili esseri che, diciotto anni prima, hanno ucciso la sua famiglia.
Il mistero intorno alle circostanze della loro morte, durante la Rivolta, sembra ancora ammantarle come una fitta coltre, tuttavia è solo questione di tempo prima che quei segreti incofessabili vengano riportati in superficie.

Delle strane scatole, vecchi carillion che sembrano non produrre alcun suono e con dalle statuine inquietantemente somiglianti a delle persone defunte da tempo, diventano un insolito mezzo per far chiarezza su molti assassini, compreso uno che ha segnato profondamente le vite dei ragazzi Vandemberg.

Sono tante le cose che accadono in questo libro, i misteri da risolvere, le molteplici battaglie da affrontare, non manca nemmeno l'amore, quello che ti fa sospirare e pregare ffinchè un giorno ti sia data la possibilità di poterlo sperimentare in prima persona.

Virginia ha saputo creare un equilibrio perfetto tra l'azione e i sentimenti, è maturata molto nello stile, trovando una via di mezzo tra quello più ricco ed elaborato de "L'ordine della Spada" e quello più fluido e snello dei libri seguenti. Anche quel tocco di arguto sarcasmo, che avevamo già avuto modo di conoscere, arricchisce la narrazione creando non pochi momenti durante i quali vi farete qualche bella risata.

Ho amato tutto di questo libro, i suoi personaggi ai quali sono profondamente affezionata, le atmosfere più cupe delle precedenti, il velo di mistero che finalmente viene sollevato per rivelare a noi lettori e agli stessi personaggi la verità su quanto accaduto negli ultimi decenni.

L'epilogo è una squisita chiusura, che mette una parola fine alle vicende fino ad ora narrate, ma che apre a nuovi scenari che, spero con tutto il cuore, di poter leggere in futuro.

Mi sento di ringraziare Virginia perchè ancora una volta è riuscita a farmi emozionare dandomi la possibilità tornare in quei luoghi da lei creati, in compagnia di personaggi così ben descritti da sembrare essere fatti di carne e ossa, per vivere ancora una volta una splendida avventura tra le strade della Vecchia Capitale.



Il mio voto:






AVETE ANCORA POCHE ORE PER PARTECIPARE AL GIVEAWAY E VINCERE UNA COPIA CARTACEA DI "BLACK FRIARS. L'ORDINE DELLA CROCE", AFFRETTATEVI!

sabato 6 luglio 2013

L'ordine delle Blogger è tornato! Oggi vi parlo di...

Si è concluso da un paio di giorni lo speciale di Black Friars, "L'ordine delle Blogger". Ci siamo divertite talmente tanto ad intervistare Virginia e i ragazzi che abbiamo pensato che fosse il nostro turno di parlvi di noi e del nostro rapporto con questa bellissima serie!
Ecco perchè ognuna di noi, a partire da oggi, risponderà a qualche domanda che potrà far sì che ci conosciate meglio.
Vi ricordo, inoltre, la data di uscita del libro, ovvero l'11 luglio, alla quale manca ormai pochissimo!!!
Sono certa che tutti voi non vediate l'ora di leggere questo nuovo, splendido capitolo della serie Black Friars!





Come hai conosciuto la saga di Black Friars?
La prima volta che ne sentii parlare fu prima dell'uscita di "Black Friars. L'ordine della Spada" quando, girovagando per il web, mi tirovai a leggerne la trama. La prima cosa che feci fu andare sul sito di Virginia e leggere i primi capitoli in anteprima: inutile dirvi che fu amore a prima lettura. Tuttavia dovetti penare non poco per avere il mattoncino tra le mie mani e in libreria impiegarono più di un mese per ordinarmelo, un dramma!



Perchè ti sei tanto appassionata a questi libri? 
Quel che più mi ha stregata credo sia l'ambientazione: così particolare, dotata di quel fascino gotico che io trovo meraviglioso! Lo stile di Virginia, sebbene sia mutato nel corso della saga, mi ha sempre stregata ed è riuscita a trasportarmi nei luoghi da lei descritti, facendomi vivere le tante storie che ci ha fin'ora narrato. Infine, i suoi personaggi che trovo impossibile non amare: tutti così diversi e affascinanti a modo loro.


 
Quale dei tre è il tuo preferito? 
Avrei diversi motivi per amarli tutti e tre allo stesso modo, tuttavia se dovessi sceglierne uno solo risponderei "L'Ordine della Spada". Nel primo libro ciò che mi ha maggiormente colpita è stato lo stile così ricco, sfarzoso che ho letteralmente adorato! So benissimo che per molti è risultato molto "pesante", ma io amo quelle sue metafore che costellano quasi tutti i paragrafi, comprese quelle che descrivono tutte le varie sfumature degli occhi di Ashton. Un altro aspetto che ho apprezzato, e che forse a voi sembrerà strano, è stato il velo di mistero che ammantava la relazione tra Eloise e Axel: il mio cervello ha avuto pane per i suoi denti e si è divertito a vagliare ogni possibile scenario!




A che ordine ti piacerebbe appartenere? 
Dopo le esaudienti spiegazioni forniteci da Virginia, la mia scelta ricadrebbe sull'ordine della Penna, non ho alcun dubbio!



Qual è il tuo personaggio preferito?
Questa risposta, per chi mi conosce bene, è scontata. Il mio personaggio preferito è Bryce (Chiara, già ti sento dire "ovviamente" xD). Per i neofiti della saga, Bryce Vandemberg è secondo in linea di successione al trono, fa parte della Societas di Filosofia Naturale ed è il principe più ipocondriaco che abbiate mai incontrato! Mi piace così tanto perchè trovo sia tra i personaggi più complessi della saga, è difficile inizialmente capire quale sia la sua vera natura, tuttavia non fatevi fuorviare dal suo atteggiamento superficiale. Come abbiamo già visto, quando c'è bisogno di qualcuno su cui contare e al quale affidare le redini della situazione, Bryce è sempre all'altezza dell'incarico.
Eccovi una breve descrizione:

Bryce Jason Vandemberg, Nazione di Aldenor, Societas di Filosofia Naturale. Ventidue anni, capelli biondo bronzo, occhi turchesi, principe del sangue, secondo in linea di successione al trono della Nazione Sovrana di Aldenor.
Prende il nome da Bryce Vandemberg IV, re notoriamente pazzo che regnò sulle Corone Riunite del Continente nel VI secolo dalla fondazione della Vecchia Capitale e passato alla storia per aver nominato Giudici dodici componenti di una compagnia di attori girovaghi perché, sosteneva, solo chi recita è onesto.
A suo dire detesta le responsabilità, quindi nell’ordine non farebbe mai due cose: diventare re e sposarsi. E’ un allegro misogino e, nonostante sia il più galante degli uomini, in realtà non desidera alcun legame sentimentale perché considera le donne creature estenuanti e i bambini estremamente pericolosi per il suo guardaroba. E’ vanitoso, creativo, un tremendo ipocondriaco e un appassionato organizzatore del proprio funerale. Geniale architetto di giardini e botanico, ha dato il proprio nome alla prima rosa che ha creato, la Prince Bryce.
Dietro l’eterno sorriso noncurante e l’aria mondana possiede forza e fermezza e un grandissimo senso di lealtà. Ed è praticamente l’unico in grado di tenere testa a suo fratello Axel e a riuscire a spuntarla su di lui nelle prove di carattere.



Spero di avervi tenuto compagnia per un po' e, nel caso vogliate voi farmi qualche domanda, be' scrivetela nei commenti e sarò felicissima di rispondere!


Prima di lasciarvi, eccovi un breve estratto tratto dalle pagine del nuovo libro messe a disposizione da Virginia:

In lontananza, udì una musica fievole e meccanica, simile a quelle che accompagnano la danza di una dama o di una bestiola in miniatura nelle scatole musicali.
Quando Eloise abbassò lo sguardo sulle proprie mani, le vide ricoperte di una massa nera e brulicante: lucidi carapaci e miriadi di zampine appuntite le scivolavano tra le dita con un rumore viscido che le strinse lo stomaco in una morsa di nausea.
Insetti.

giovedì 4 luglio 2013

Prossimamente: Black Friars. L'Ordine della Croce - Virginia de Winter

Erano mesi che aspettavo trepidante di poter scrivere questo post, ma adesso sono sopraffatta da emozioni contrastanti: gioia ed euforia perchè finalmente potrò leggere un nuovo libro di Virginia, ma anche tanta tristezza perchè sono consapevole che quasi al 100% questo libro sarà l'ultimo della saga (anche se non vi nascondo che in fondo al cuore spero che Vy abbia dei ripensamenti e ne scriva un altro). 
Ho avuto modo di affezionarmi ai personaggi, che si sono guadagnati un posto speciale nel mio cuore, e il mio affetto nei confronti di questi libri e della sua autrice mi ha spinto, un po' di tempo fa, ad organizzare uno speciale.

Francamente, non so cosa aspettarmi da "L'ordine della Croce" e sono certa che, pagina dopo pagina, riuscirà a sorprendermi.
L' 11 luglio sarà sempre troppo lontano, ma il pensiero che tra poco più di una settimana potrò stringere tra le mani il quarto "matty" mi riempie di emozione!


Black Friars. L'ordine della Croce

Virginia de Winter


Editore: Fazi
Pagine: 528
Prezzo: 18,00 €
Data di uscita: 11 luglio

Eloise Wess è alle prese con il misterioso ritrovamento di uno scheletro di un giovane ragazzo, la cui identità è ignota, e questa volta non potrà ricorrere ai suoi poteri di evocatrice ma solo alle sue conoscenze mediche. Dalle indagini emerge a poco a poco un'oscura e inquietante verità: le ossa rinvenute sono solo il coperchio di un vaso di Pandora che sigilla i segreti più oscuri della Vecchia Capitale; segreti di personaggi potenti disposti a tutto pur di mantenerli tali. In Aldenor intanto il re Fabian Vambenberg è gravemente ferito, e il suo erede Axel, fidanzato di Eloise, è costretto a tornare lasciando sola Eloise in questa che si preannuncia come la missione più rischiosa della sua vita. Un mistero irrisolto, una città dai mille segreti, l'ultimo viaggio nel mondo di Black Friars.




 





GIVEAWAY: Black Friars. L'Ordine della Croce - Virginia de Winter

Ed eccoci giunti alla conclusione dello speciale L'Ordine delle Blogger!




Noi tutte ci siamo divertite moltissimo con le varie interviste, chiedendoci cosa volessimo sapere noi ma, soprattutto, cosa avreste voluto sapere voi. Il nostro progetto è nato dall'amore per questa saga e per la sua autrice, ci ha portate a scoprire cosa significa collaborare ed organizzare un blog tour e posso dire che è stata un'esperienza stupenda!

Ci tengo a ringraziare di cuore Chiara, Glinda, Diletta, Martina, Lya e Debs che hanno reso tutto questo possibile, ma anche tutti voi lettori che ci avete seguite e avete dimostrato tutto il vostro amore per questi libri!
Un ringraziamento speciale va ai ragazzi del GDR, Miaomimi e alla fantastica Virginia che è sempre stata disponibile e ci ha regalato delle risposte bellissime!

Per concludere vorremmo parlavi del nostro rapporto con la saga di Black Friars, così da farvi conoscere qualcosina in più su di noi.



Veniamo ora a quello che tutti stavate aspettando: il giveaway!!!
Per premiare i nostri lettori abbiamo deciso di mettere in palio una copia cartacea di "Black Friars. L'Ordine della Croce", il nuovo libro disponibile nelle librerie dall' 11 luglio!



Quali sono le regole per partecipare?


- Aver commentato i sette post dello speciale
- Lasciare un commento di senso compiuto a questo post inserendo anche un indirizzo email al quale contattarvi in caso di vincita (basta commentare solo su uno dei sette blog)
- Condividere questo post su Facebook e/o Twitter

Ecco i post da commentare:


Inoltre vogliamo offrirvi l'opportunità di avere una chance in più di vincere. Come? Semplice, vi basterà rispondere ad un piccolo quiz e, chi avrà risposto correttamente a tutte le domande, avrà un'opportunità in più di essere "pescato". 
Ci tengo a precisare che la partecipazione al quiz non è vincolante ai fini del giveaway, perciò non è obbligatoria!

1. Qual è il metodo usato da Sophia Blackmore per far innamorare di sé Gabriel Stuart?

2. Quante volte Axel chiede al padre la mano di Eloise?

3. Qual è il punto debole di Bryce?

4. In quale punto Axel ha tatuato il simbolo delle Cinque Lune e cosa rappresenta?

5. In quali circostanze Bryce incontra e assume Morton?

6. Qual è la prima creatura non umana che incontriamo nell'Ordine della Spada e a quale stirpe appartiene?
7. Chi tra i componenti  della Confraternita delle Cinque Lune ha il mantello foderato d'argento?


Semplici, vero? Sono certa che riuscirete a rispondere senza alcun problema!
Le domande vanno inviate all'indirizzo email 93giovy@live.it e dovranno avere per oggetto "L'Ordine delle Blogger".

La scadenza è fissata per il 11 luglio e l'estrazione avverrà il 13 luglio!


Buona fortuna a tutti!


lunedì 1 luglio 2013

VINCITORE DEL GIVEAWAY "L'origine del peccato" di Liliana Marchesi

Sia su Goodreads che sul mio Antro, si è concluso da pochissimi giorni il giveaway de "L'orgine del Peccato" di Liliana Marchesi!

Sul social network per noi amanti dei libri è stato già decretato il vincitore (clicca QUI per scoprire se hai vinto), ma rimane un ultimo nome da pescare dalla mia urna speciale.

Chi si sarà aggiudicato il misterioso regalo?



E IL VINCITORE E'...


Cioci X



Complimenti! Controlla la tua casella di posta elettronica, troverai una piccola sorpresa ad attenderti!

Voglio ringraziarvi di cuore per aver partecipato, siete sempre fantastici!